«Biodanza e il Romanticismo» incontro per Il Sabato dell’Arte

Incontri
Palazzo Martinengo, via dei Musei 30, Brescia Mappa

BIODANZA E IL ROMANTICISMO jpg

 

Il romanticismo è un movimento che si definisce bene proprio confrontandolo con il neoclassicismo. Mentre il neoclassicismo dà importanza alla razionalità umana, il romanticismo rivaluta la sfera del sentimento, della passione ed anche della irrazionalità. E’ un movimento di grandi suggestioni religiose e guarda alla storia del medioevo, rivalutando questo periodo, fino ad allora, considerato buio e barbarico. Infine, mentre il neoclassicismo impostava la pratica artistica sulle regole e sul metodo, il romanticismo rivalutava l’ispirazione ed il genio individuale.

Il romanticismo si presenta con caratteristiche differenziate da nazione a nazione. Così, di fatto, risultano differenti il romanticismo inglese da quello francese, o il romanticismo italiano da quello tedesco, e così via.

In realtà non è uno stile, in quanto non si fonda su dei principi formali definiti. Esso può essere invece considerato una poetica, in quanto, più che alla omogeneità stilistica, tende alla omogeneità dei contenuti.

Questi contenuti della poetica romantica sono sintetizzabili in quattro grandi categorie:

1. l’armonia dell’uomo nella natura

2. il sentimento della religione

3. la rivalutazione dei caratteri nazionali dei popoli

4. il riferimento alle storie del medioevo.

Uno dei tratti più caratteristici del romanticismo è la rivalutazione del lato passionale ed istintivo dell’uomo. Questa tendenza porta a ricercare le atmosfere buie e tenebrose, il mistero, le sensazioni forti.

L’artista romantico ha un animo ipersensibile, sempre pronto a continui turbamenti. L’artista non si sente più un borghese ma inizia a comportarsi sempre più in modo anticonvenzionale.

Sono artisti che alimentano il proprio genio di trasgressioni ed eccessi, che vivono il malessere psicologico con grande drammaticità.

Nelle danze rievocheremo le sensazioni che hanno animato questo periodo, attingendo spunti dalle opere che ammireremo durante la visita della mostra… un’immersione nel flusso artistico che ha preceduto i grandi turbamenti del ‘900. Danzare la storia e danzare l’arte apre le porte della nostra vena artistica, preziosa alleata per ri-disegnare la nostra vita con creatività.

Condotto da

Con il patrocinio dell’Associazione TURES di Brescia

tures

Potrebbero interessarti anche...